religione

Gino Bartali beato? Il progetto c'è

Andrea Gagliarducci

Campione, ma anche carmelitano, uomo di fede, giusto tra le nazioni

Si era costruito una cappella in casa, che ora è custodita nel Museo della Memoria ad Assisi. E, tra le campagne umbre e quelle toscane, parte di una rete propiziata dal Cardinale Elia Dalla Costa, arcivescovo di Firenze, girava con la sua bici durante la guerra, nascondendo nella canna documenti che avrebbero permesso di salvare gli Ebrei perseguitati dai nazisti. Gino Bartali, il ciclista vincitore di tre Giri d’Italia e due Tour de France, il campione la cui rivalità con Fausto Coppi è rimasta nella storia, era prima di tutto un cattolico, un uomo di fede, discreto nel bene che faceva perché “il bene si fa, ma non si dice”. E potrebbe diventare beato.

Da tempo, i Carmelitani hanno cominciato a scandagliare i documenti. E lo fanno i Carmelitani perché lo stesso “Ginettaccio” era terziario carmelitano, e negli abiti del terziario fu sepolto nel 2000, quando morì a 96 anni. Il COVID ha un po’ rallentato la raccolta dei documenti, ma ora si è ripreso, con nuovo impeto, e se ne è parlato in occasione dell’affiliazione della squadra ciclistica dell’Athletica Vaticana all’UCI, la Federciclismo Mondiale.

La fede di Bartali si legge nelle piccole, grandi cose di ogni giorno. Ci sono duecento lettere alla moglie Adriana, inviate anche quando era nel mezzo dei Giri d’ Italia, una cartolina nei giorni di corsa, una lettera nei giorni di riposo. Si firmava sempre “Tuo nel Signore”, e le lettere sono un condensato non solo della sua fede personale, ma anche della loro spiritualità di coppia, della comune devozione a Santa Teresa di Lisieux.

E poi, ci sono le testimonianze. Del lavoro che Bartali fece per gli ebrei, nessuno seppe niente, finché non arrivò la testimonianza di Giorgio Goldenberg, dopo anni e anni di riservatezza. Non solo i documenti falsi portati da questa e da quell’altra parte della Rat-Line, ma anche il rischio preso in prima persona ospitando una famiglia ebrea che rischiava i campi di concentramento. Un aiuto silenzioso, perché “il bene si fa, ma non si dice”, tanto che nemmeno l’amata moglie aveva saputo niente per lungo tempo.

La nipote Gioia, che sta avendo una parte importante nella raccolta di questi documenti, ha fatto sapere all’Osservatore Romano che uno degli insegnamenti principali del nonno era “Ricordati di essere umile”. E Bartali, in fondo, rimase umile anche quando nel 1948, il giorno dopo l’attentato al leader comunista Palmiro Togliatti, vinse una tappa del Tour de France e ricompattando (almeno così dice la leggenda) una nazione che rischiava la divisione e la guerra civile.

Gioia Bartali, figlia del primogenito di Bartali Andrea, ora segue la sua causa di canonizzazione, gira in Italia a raccontare la storia nascosta del nonno, perché “diventare beato o santo non servirebbe alla sua memoria, ma a tutti noi, alla nostra comunità, alle nostre famiglie”.

In fondo, Bartali, in quegli anni, con il suo essere credente, rappresentava una Italia tradizionale, cattolica, ancora credente, ma che lasciava il posto alla secolarizzazione, ai rotocalchi, allo sport che non era più “solidarietà e scuola di vita”, come invece diceva lui. Lo riconobbe Gianni Brera, che pure lo criticò, e che poi scrisse a Bartali una lettera aperta: “Da qualche anno, conoscendoti meglio, mi sono fatta la convinzione che tu sia una specie di Bertoldo devoto. Non sei, intendo, il Tartufo ipocrita e astuto che una morale ormai fuori del tempo costringe a irritante doppiezza: quando ti chiamo frate Cipolla, pensando alle margniffate di quel personaggio boccaccesco che tu forse non sai, voglio semplicemente coprire una mia debolezza. Hai avuto molto coraggio nell’esser pio. Questo è il lato più eroico”.

Un eroismo che potrebbe portarlo alla gloria degli altari. Intano, c’è un oratorio a lui intitolato. È a Roma, a Montemario, ed è nato su iniziativa di monsignor Attilio Nostro, che il Papa ha poi nominato vescovo di Mileto in Calabria. E lo stesso vescovo Nostro ha detto che Papa Francesco ha promesso, in onore di Bartali, un pellegrinaggio simbolico che parta dall’oratorio Gino Bartali e tocchi il Campidoglio, il Quirinale, la Sinagoga e San Pietro. E sarebbe una testimonianza che l’esser pio, davvero, è un atto di eroismo silenzioso come ce ne sono pochi. (AciStampa)

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA