fede

José Gregorio Hernández, il medico santo e uomo di Dio

María Consuelo Núñez (Ciofs)

Francescano Secolare beatificato a Caracas

Il dottore Hernández è stato beatificato in una cerimonia che si è svolta a Caracas il 30 aprile 2021, in una celebrazione ridotta motivata dalle esigenti norme di Bio-Sicurezza durante questo periodo di pandemia. Ma è Dio che ha permesso che fosse così, ricordando che il dottor Hernández faceva parte della squadra di soccorso che curava i pazienti infettati dalla peste o influenza spagnola che colpì il mondo e anche il Venezuela nel 1918.

Ai piedi del nostro Benedetto, preghiamo per la fine della pandemia che attualmente ci colpisce a tutti quanti nel mondo. José Gregorio Hernández nacque a Isnotú, una città nelle Ande venezuelane, il 26 ottobre 1864 A proposito, è stato recentemente ufficialmente stabilita come data per celebrare la sua vita, precisamente il giorno della sua nascita, il 26 ottobre di ogni anno. È morto in un incidente stradale a Caracas all'età di 55 anni, il 29 giugno 1919 .

Ma è questo che ci interessa sapere di lui? Che la Chiesa lo ha confermato Beato che, se Dio vorrà, presto lo dichiarerà Santo, affinché egli possa fare miracoli per noi? Tutti noi che siamo battezzati, quando nasciamo alla vita cristiana nella Chiesa cattolica, assumiamo su noi stessi, quale primo e più importante impegno, quello di vivere secondo l’insegnamento di Gesù che ritroviamo nel Vangelo ed essere "luce del mondo e sale della terra". Forse per José Gregorio rispettare questo impegno è stato facile fin da giovanissimo perché egli ha vissuto in una famiglia che gli ha insegnato, fin dalla sua infanzia, ad avere Gesù come punto di appoggio.

All'età di 13, José Gregorio si è separato dalla sua famiglia e ha dovuto recarsi a Caracas (situato a più di 3.000 chilometri dalla sua città natale) per frequentare, prima il liceo e poi l'Università. Lui ha conseguito la laurea in medicina all'età di 24 anni. Era una persona con grandi valori, senza ambiguità. Possiamo vedere il filo conduttore di un uomo fedele alla sua fede, dove ha sempre privilegiato l'amore per Dio e per coloro che lo circondano, che lo hanno dimostrato con una condotta impeccabile. La sua profonda onestà e il suo senso di responsabilità si è guadagnato il rispetto di tutti. Nei quasi due anni e mezzo che ha trascorso in Parigi per studiare alcune materie sperimentali, egli non si è lasciato turbare da questa società rilassata in cui ha dovuto vivere ed ha continuato a coltivare la pratica delle sue virtù.

Una volta tornato a Caracas, il dottore Hernández, si è poi impegnato a fondo nell'insegnamento all'Università e, conscio della responsabilità che aveva di fronte ai giovani venezuelani, ha lasciato un modello di vita universitaria. Ha pubblicato diversi articoli scientifici e anche un'opera di filosofia, con la quale, “egli ha trasmesso l’insegnamento vivo di un maestro saggio il quale, in quest'ora così bisognosa di luce e guida, è pronto ad aiutare tutti, in modo che essi siano in grado di sapere, pensare, sentire e amare” Come insegnante all'Università Centrale del Venezuela, con il suo esempio egli ha insegnato agli uomini a camminare e combattere per essere studenti universitari degni e per essere dei cittadini esemplari.

È, nel pieno dei suoi impegni professionali, nel 1889, è entrato a far parte dell'Ordine Francescano Secolare. Questo avveniva 8 anni dopo il suo rientro in patria al termine dei suoi studi a Parigi. Nell'Ordine Francescano Secolare si è dissetato al carisma di San Francesco d'Assisi. Non c'è dubbio, egli ha potuto esercitare la sua vita professionale, con una magnifica influenza di un sentimento, di un fare, da cui coloro che erano curati da lui e tutti coloro che hanno saputo lui ha beneficiato. e così, a poco a poco, ha approfondito sempre più il suo impegno di servire Cristo nel fratello e nella sorella sofferente.

Aveva una disciplina rigorosa nella sua quotidianità. Uomo di profonda vita spirituale, lo si vedeva andare tutti i giorni alla Santa Messa, prima di occuparsi dei suoi compiti professionali. Si prendeva cura di pazienti di tutti gli strati sociali, a partire dall'essere un medico per il Presidente della Repubblica in quel momento. Ma i suoi pazienti con meno risorse lo apprezzavano per il suo trattamento affabile e il suo sostegno coscienzioso, acquistando anche medicinali per chi non poteva ottenerli. Non soddisfatto di ciò che, per corrispondere all'amore di Dio, riteneva dover fare attraverso l'attenzione ai suoi pazienti e il suo impegno di professore universitario, ad un certo punto della sua vita ha rinunciato a tutti i suoi impegni professionali, per recarsi alla Certosa di Farneta a Lucca, città della Toscana.

E così ha abbandonato gli impegni professionali, si è spogliato dei beni materiali che ha dona in eredità ai suoi fratelli. Si è trasferito in Italia a vivere da monaco nell’Ordine religioso dei Certosini. In questo luogo è rimasto per un anno, ma le sue fragili condizioni non gli hanno permesso di trattenersi più a lungo è stato costretto a tornare in Venezuela. Tornato in Venezuela, egli ha deciso di entrare nel Seminario. Il dottore Hernández credeva che Dio gli chiedesse molto di più, così da poter andare in paradiso ed essere santo.

Questa è la ragione per cui riteneva che la sua più alta aspirazione fosse quella di diventare prete. A questo proposito, un caro fratello, il dottor Cristian Alvarez, ha una conferenza dal titolo "L'equivoco del dottor Hernández" in qui tratta proprio di questo fatto: un laico che credeva che non fosse possibile raggiungere il paradiso se non entrando in convento o facendosi prete.

Tutti quelli che si sono avvicinati a lui sono stati illuminato dal suo modo di essere, perché egli, tramite la sua opera misericordiosa, ha reso visibile l'amore di Dio. Lo splendore del cristiano dovrebbe risplendere in tutti noi che professiamo la fede cattolica. Questo è stato compreso dal Dottore Hernández quando ha potuto dedicarsi ai suoi pazienti, alla sua famiglia e ai suoi studenti, con un carisma che ha irradiato per tutta la sua vita, come seguace laico di Francesco di Assisi. Già alla sua morte, le persone a lui vicine e la folla che accompagnava il feretro al cimitero, tutti lo proclamavano “santo”.

Cari amici la rivista San Francesco e il sito sanfrancesco.org sono da sempre il megafono dei messaggi di Francesco, la voce della grande famiglia francescana di cui fate parte.

Solo grazie al vostro sostegno e alla vostra vicinanza riusciremo ad essere il vostro punto di riferimento. Un piccolo gesto che per noi vale tanto, basta anche 1 solo euro. DONA